Lettera aperta del Sindaco alla Sportivi Ghiaccio Cortina

0 Flares 0 Flares ×
riceviamo e pubblichiamo:
Scrivo questa lettera in qualità di Sindaco/tifoso, nella convinzione di interpretare il sentimento didelusione diffuso tra tutti i cittadini ed in particolare tra gli appassionati di hockey.Sappiamo bene che la stagione 2010/11 è iniziata tra grandissime difficoltà economiche e solo grazie all’impegno dei dirigenti, degli sponsors, dei tifosi e dell’Amministrazione Comunale si èriusciti ad iscrivere la prima squadra al campionato di serie A.Allo stesso modo tutti eravamo consapevoli che essendo partiti in ritardo ed avendo un budgetridotto non avremmo potuto competere con le formazioni piu’ forti.

Quello che però nessuno si aspettava era di ritrovarsi a questo punto della stagione ancora senza vittorie e quel che è peggio con una squadra molle e disunita che sembra non aver piu’ voglia dilottare. Tutto ciò senza considerare i comportamenti extra sportivi di alcuni giocatori avvenuti direcente.
Ho sempre pensato che l’Amministrazione non dovesse entrare nelle questioni sportive dellesingole realtà del territorio, tuttavia qui siamo di fronte ad una situazione limite che non può esserepiu’ tollerata. Adesso basta!
Il Comune per la stagione 2010/11 sosterrà la Sportivi Ghiaccio con 62.000 Euro di contributo, conl’erogazione gratuita di servizi Gis e delle ore ghiaccio quantificabili in oltre 200.000 Euro, con laconcessione gratuita della facciata dello stadio quantificabile in circa 80.000 Euro. In totale stiamoparlando di circa 350.000 Euro, soldi questi che appartengono a tutti i cittadini. Come si vede sitratta di un aiuto importante. Certo siamo quotidianamente ricompensati dall’ottimo lavoro svoltodal settore giovanile, ma anche dalla prima squadra ci aspettiamo un atteggiamento diverso visto econsiderato che rappresenta comunque l’intera comunità.
In particolare i giocatori stranieri, che dovrebbero essere dei professionisti, devono capire che nonsono qui in vacanza e che devono guadagnarsi lo stipendio ogni giorno con impegno, sudore eserietà. Se non lo fanno sta alla società intervenire con durezza, anche a costo di rispedirli a casasul primo aereo disponibile e di dare spazio ai ragazzi locali. Oltre a questo, per ridare slancioall’ambiente, è auspicabile il coinvolgimento di ex giocatori all’interno del gruppo dirigenziale.Persone che conoscano l’ambiente, la vita e le dinamiche dello spogliatoio e che possano quindiportare la loro esperienza all’interno di un processo di rinnovamento necessario e non piu’rinviabile.
La gente di Cortina, anche alla luce della storia e della tradizione dell’hockey locale, esige di vedereuna squadra che giochi sempre con voglia, con orgoglio, con dignità, con determinazione e con ungrandissimo attaccamento alla gloriosa maglia che indossa.
Nello sport come nella vita poi a volte si vince e a volte si perde, ma giunti a questo punto bisognavoltare pagina a partire già dalla partita di domani sera con il Pontebba.
Forza Cortina!

Andrea Franceschi , Sindaco di Cortina d’Ampezzo

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Tags: Cortina, Dolomiti, ghiaccio, hockey, reclami, sindaco, Sport

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×