L’azienda Cortina Express desidera chiarire la propria posizione

0 Flares 0 Flares ×

Si riporta di seguito la versione integrale del chiarimento dell’Azienda Cortina Express in merito all’articolo apparso sul Corriere Delle Alpi del 19.12.2012, ricevuto dall’ufficio Comunicazione Cortina Turismo (www.cortina.dolomiti.org).

In merito all’articolo apparso sul Corriere Delle Alpi del 19.12.2012 Cortina Express desidera chiarire la propria posizione.

Nel pomeriggio di venerdì 14.12.2012 il nostro ufficio autolinee viene contattato da una persona la quale ci comunica che il treno 9725 proveniente da Milano sta accumulando sempre maggior ritardo e che a bordo di tale treno vi è una passeggera che deve prendere l’autobus Cortina Express in partenza alle ore 17.00 da Venezia Mestre per Cortina. Il nostro ufficio secondo le disposizioni aziendali previste per tali problematiche verifica l’esatta posizione del treno e il ritardo effettivo che ammontava infatti ad oltre 30 minuti. In via del tutto eccezionale nonostante vi siano della altre persone a bordo e nonostante questo non sia previsto delle condizioni di trasporto che espongono in modo chiaro come l’azienda non si assuma nessuna responsabilità in caso di mancate coincidenze per cause non imputabili alla stessa, viene comunicato all’utente che l’autobus attenderà al massimo 5 minuti al fine di consentire alla passeggera di poter usufruire del nostro servizio per raggiungere Cortina.

L’autobus attende fino alle 17.05, orario verificabile dalle registrazioni cronotachigrafiche (che sono a disposizione di quanti vogliano controllarle), poi l’autista non può attendere oltre dato che a bordo dell’autobus vi sono numerosi passeggeri che devono prendere a loro volta le coincidenze a Longarone per Belluno (ore 18.25) e per la Val Zoldana (ore 18.30), a Tai di Cadore per Auronzo e Sappada (ore 19.00).

Queste coincidenze in alcuni casi rappresentano l’ultima possibilità della giornata per raggiungere la destinazione con i mezzi pubblici e quindi devono essere garantite agli utenti mentre la signorina Z.B. avrebbe potuto usufruire del treno in partenza da Venezia Mestre alle ore 17.49 per Calalzo dove immediatamente avrebbe trovato coincidenza con un servizio Dolomiti Bus per Cortina spendendo in totale la modica cifra di 13,30 euro.

L’aver utilizzato un servizio Taxi e aver speso quindi una cifra ben più consistente è stata una scelta di Z.B. ma non una necessità mentre le misure messe in campo dall’azienda non sono un eccesso di zelo ma l’unico modo per garantire uno standard di puntualità ormai ben noto a chi utilizza da anni i nostri servizi.

Cogliamo l’occasione per informare l’utenza che al fine di venire incontro alle sempre maggiori esigenze degli utenti abbiamo richiesto alle Provincia di Belluno quale ente competente per il rilascio e le modifiche dell’autorizzazione, nonostante i nostri servizi di linea non godano di nessun contributo pubblico, di poter effettuare un maggior numero di corse distribuite nell’arco della giornata ed in particolare di scindere l’unica corsa attualmente presente in bassa stagione alle ore 17.00 in due corse, una alle ore 16.00 e una alle ore 18.00.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×