Curling: tutti pazzi per la stone, anche a Cortina

0 Flares 0 Flares ×

Tutti pazzi per il Curling. Dopo le Olimpiadi invernali che si sono disputate a Torino nel 2006, il gioco del Curling ha preso piede sempre di più anche in Italia. Nato in Scozia nel lontano XVI secolo, questa disciplina così curiosa ha praticamente rivoluzionato il mondo degli sport invernali, e tantissimi sono ormai gli appassionati che lo praticano. Uno dei palcoscenici più importanti in Italia dove si pratica il gioco del Curling è sicuramente Cortina d’Ampezzo. Qui già agli inizi del 900, questo sport era molto in voga e lo testimonia il fatto che nel 2010 nella cittadina glamour per eccellenza, si sono disputati i Campionati Mondiali Maschili – Capita One; presso il prestigioso Stadio Olimpico del Ghiaccio. Il Curling, quindi, è un pò la disciplina regina delle Dolomiti e da ben 101 anni si pratica con grandissimo interesse e con un seguito sempre più folto. Un binomio vincente tra questo sport e la città di Cortina d’Ampezzo che da sempre è il centro di tutte le discipline che si svolgono sulla neve. Giusto per rendere l’idea di quello che stiamo dicendo, basta pensare che Cortina è teatro da quasi mezzo secolo di un Trofeo Internazionale di Curling. Questa manifestazione si svolge nel mese di giugno, un periodo insolito per un torneo sul ghiaccio, ma malgrado questo attira un numero sempre crescente sia di atleti partecipanti e sia di pubblico; attratto da questo sport avvincente e divertente al tempo stesso. Il Trofeo Città di Cortina – International Summer Curling Tournament, vede ai nastri di partenza ben sessanta team che si danno battaglia per conquistare l’ambito premio che nell’ultima edizione, quella numero 47 del giugno 2012, ha visto una copertura mediatica non indifferente, grazie alla popolarità che questo sport ha conquistato negli anni. Se si pensa alle origini di questo sport, che come abbiamo detto è nato in Scozia nel 1511, e che è diventato popolare grazie alla Stirling Stone. L’evoluzione di questo gioco si è avuta nel 1775 quando iniziarono a vedersi le prime pietre circolari con la classica impugnatura a martello che anche oggi è visibile. La consacrazie di questo sport, però, si ebbe nel 1838, grazie alla nascita del Royal Caledonian Club; che regolamentò non solo la grandezza e le dimensioni della pietra di granito, ma anche tutte le altre regole che oggi ci consentono di giocare. Dunque due date importanti, quella del 1775 dove furono definite tutte le regole base e il 1838, quando venne scritto il primo regolamento ufficiale. In Italia il Curling è stato riconosciuto come attività sportiva, solo nel 1953 grazie alla FISG (Federazione Italiana Sport del Ghiaccio). Tornando ai giorni nostri, per gli amanti di questa disciplina, è possibile trovare a Cortina d’Ampezzo, due piste a disposizione di tutti coloro che vogliono vivere questo sport o provarlo per la prima volta. Il Curling Center, situato presso l’autostazione rappresenta il punto d’incontro per tutti, ed è quei che l’Associazione Curling Cortina organizza una serie di lezioni di gruppo con istruttori federali e con l’ausilio di atleti della Nazionale italiana. Dunque, un team di esperti a disposizione di tutti coloro che vogliono immergersi in questo nuovo e avvincente sport che dal 2006 ha conquistato sempre di più appassionati italiani.

 

di Massimiliano Grimaldi

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×