Cortina InCroda racconta la fiamma dell’avventura.

0 Flares 0 Flares ×

Cortina InCroda racconta la fiamma dell’avventura.

 

Calorosi applausi venerdì sera per Cortina InCroda che ha ospitato Simon Yates. Uno dei più grandi alpinisti britannici, conosciuto in tutto il mondo, una Guida Alpina, si è confrontata con un’altra Guida Alpina, Paolo Tassi. Due Guide a confronto dai quali è emerso la stessa grande passione per la montagna.

La serata si è aperta con un ricordo di due amici di Cortina InCroda, recentemente scomparsi. Mario Richard il marito di Steph Davis, alpinista americana di punta, che due anni fa trascorse con i soci di Cortina InCroda un settimana fantastica e con la moglie Steph si lanciò dalla Tofana con base junping, e Icaro De Monte, la Guida Alpina, entrata nel cuore di tutti, anticonformista, un viaggiatore, un sognatore, una persona speciale.

E l’anticonformismo è uno dei tratti caratterizzanti di Simon Yates l’ospite d’onore della serata. Yates inizia ad arrampicare da giovanissimo con una peculiarità: cerca vie inviolate, montagne remote, guarda le mappe e sceglie vette non tracciate. Una ricerca dei posti più speciali del mondo che lo porta a realizzare una lunga serie di ascensioni sulle grandi montagne dell’Himalaya, del Pakistan, dell’Unione Sovietica, ma anche dell’Alaska, delle Alpi, del Sud America, dove compie prime ascensioni e anche prime assolute. Da Guida Yates recentemente ha portato in vetta, sull’Ama Dablam un gruppo di clienti, da cui ne è nato un video, che è stato proiettato a Cortina InCroda. Yates è uno degli scalatori inglesi più conosciuti del mondo non solo per il suo alpinismo ad alto livello, ma anche – e soprattutto – per essere l’uomo che tagliò la corda di Joe Simpson durante la fatidica spedizione del 1985 sul Siula Grande, in Perù. I due si salvarono, e da quell’avventura ne nacque prima un libro e poi un film: “La morte sospesa”. «Avevo 21 anni e ho preso l’unica decisione possibile in quel momento», ha raccontato Yates, «una decisione che tutti al mio posto avrebbero preso. Quella vicenda è stata comunque la mia grande fortuna, sia perché io e Joe ce la siamo cavata, sia perché da quell’esperienza abbiamo imparato molto, ed infine perché ci ha dato una fama internazionale».

Applaudito l’intervento in video dell’opinionista della quinta edizione di Cortina InCroda, Marco Albino Ferrari, che ha “riabilitato” Yates. «Da tutti considerato come l’anti-eroe, perché tagliò la corda», ha detto Ferrari, «in realtà Yates non è né l’anti-eroe, né un eroe. Gli uomini della montagna, gli alpinisti, non sono eroi, sono persone che hanno una grande passione, che non temono il pericolo, persone speciali, ma non eroiche». Una definizione che sia Yates che Tassi hanno sottoscritto in pieno.«Se qualcuno decide di fare qualcosa di pericoloso», ha detto Yates, «non deve essere considerato un eroe. Io ho raggiunto tante vette, ma ho avuto anche degli insuccessi, e li ho descritti nei mie libri, senza problemi. In montagna vado prima di tutto per me stesso, non per la fama».

Speciale, intensa e commovente la performance musicale diFabiana Polli, accompagnata al pianoforte da Davide Donazzolo, con le immagini del Sud America montate dal videomaker Alessandro Manaigo.

«Con Simon Yates», ha ricordato il presidente di Cortina InCroda, Mario Lacedelli, «chiudiamo il ciclo dedicato agli ospiti britannici. Siamo riusciti a presentare i più grandi alpinisti del Regno Unito e abbiamo raccontato delle storie diverse, delle storie uniche, emozionanti. La rassegna continuerà con due appuntamenti dedicati al cinema di montagna, ma siamo davvero soddisfatti di essere riusciti a portare a Cortina alpinisti di altissimo livello».

Il prossimo appuntamento è per venerdì 6 settembre alle 21 al Cinema Eden. Cortina InCroda presenta “Autana” di Alaistar Lee, Sezione Alp&Ism 61° Trento Film Festival 2013.

 

Cortina InCroda:

Presidente: Mario Lacedelli.

Vice Presidente: Federico Michielli

Curatori: Mario Lacedelli, Marco Ghedina, Alessandra Segafreddo.

Videomaker: Alessandro Manaigo.

Web Editor: Mauro De Biasi.

Scenografie Allestimenti: Alessandro Menardi

Staff organizzativo: Paolo Tassi, Giorgio Costantini, Gabriele Dallago, Anna Bosetti.

 

 

SPONSOR: Barilla, Scarpa, Itas Assicurazioni, K2 Sport, Impianti 5 Torri, Cortina Cube, Patagonia, Cooperativa di Cortina, Cassa Rurale e Artigiana di Cortina d’Ampezzo e delle Dolomiti, Farmacia San Giorgio, Impianti Idrotermo sanitari Durante, Top Store Cortina, Geometra Diego Ghedina Studio Tomash..

 

MEDIA and WEB PARTNER: Radio Cortina, Corriere delle Alpi, PlanetMountain, Cortina TOPic.

 

PATROCINIO E PARTNER: Comune di Cortina d’Ampezzo, Gruppo Scoiattoli di Cortina d’Ampezzo.

FRIENDS: Film Festival Trento, Cortina Turismo, Guide Alpine Cortina, Junbo Bar, Libreria Sovilla, Hotel da Beppe Sello, Barkley Graphics, Gdm, Bar Caffè Sport.

 

Sono a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.

Alessandra Segafreddo

Ufficio Stampa Cortina InCroda

339 1219998 o 0435 32119.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×