COLORTASTE. LA CUCINA SI FA ARTE

0 Flares 0 Flares ×

COLORTASTE. LA CUCINA SI FA ARTE

AURORA MAZZUCCHELLI,

UNA STELLA MICHELIN E CHEF DELL’ANNO A IDENTITÀ GOLOSE 2012,

A CORTINA IL 6 SETTEMBRE

Chiude in bellezza con una grande protagonista femminile della gastronomia italiana,

“Colortaste. La cucina si fa arte”:

a Cortina il 6 settembre sarĂ  la volta di Aurora Mazzucchelli del Ristorante Marconi di Sasso Marconi (Bologna), ospite del Rosapetra Spa Resort insieme alla sua opera immortalata

dal fotografo Alfonso Catalano.

La trasferta tra le Dolomiti di Colortaste è un progetto di Cortina Turismo,

consorzio turistico di Cortina d’Ampezzo inserito nel calendario di CORTINAèCULTURA

in collaborazione con Colortaste con il patrocinio di Expo Milano 2015 e della Provincia di Milano.

www.cortina.dolomiti.org; www.colortaste.com

 

Cortina d’Ampezzo, 4 settembre 2013_Ultimo appuntamento a Cortina d’Ampezzo conColortaste. La cucina si fa arte:la trasferta ampezzana del progetto di Alfonso Catalano che, dal mese di luglio, ha portato tra le Dolomiti gli scatti “artistico-gastronomici” del fotografo milanese e tanti chef stellati Michelin.

Dulcis in fundo, è proprio il caso di dire, venerdĂŹ 6 settembre sarĂ  la volta di una grande protagonista in rosa della gastronomia italiana, chef dell’anno a IdentitĂ  Golose 2012 e una stella Michelin, Aurora Mazzucchelli (Ristorante Marconi, Sasso Marconi, Bologna).

La chef sarà ospite della Corte del Lampone, il ristorante del Rosapetra Spa Resort (esclusivo 4 stelle ampezzano inaugurato lo scorso anno) per una cena a quattro mani con menù ideato e creato appositamente per l’occasione. La serata sarà divisa in due momenti: dopo l’aperitivo servito in terrazza a base di finger food preparati dallo chef locale Alessandro Favrin, si terrà la presentazione della chef Mazzucchelli e della cantina sponsor Franca Contea. Seguiranno quattro portate servite al tavolo con primo piatto e dessert a cura di Aurora Mazzucchelli, secondo piatto e dessert conclusivo a cura dello chef Favrin con  interventi degli chef sulla presentazione dei piatti.

La chef dell’anno 2012 proporrà: Garusolo, grano San Carlo e finocchietto selvatico e come dessert ananas in raviolo con ricotta, caviale di caffè e pinoli.

«Attraverso i miei piatti cerco di raccontare un percorso fatto di idee e sensazioni che partono dalla qualità in purezza e della stagionalità della materia prima per arrivare a una sintesi in cui il gusto è il filo conduttore – ha dichiarato Mazzucchelli –. Un gusto sempre in movimento, come il mio pensiero, alla ricerca del miglior ingrediente e di nuovi territori da esplorare. Che sia un prodotto del mare o della terra, l’importante per me è trasmetterne l’essenza, trasformando la materia in un piatto che sia la narrazione fedele della mia idea di sapore».

Oltre a deliziarsi con le creazioni culinarie, gli ospiti della serata potranno ammirare l’opera creata dalla chef Aurora Mazzucchelli e immortalata con una performance live – unica tra tutte quelle del progetto Colortaste – in occasione di ArteFiera Off all’interno della bolognese pasticceria Regina di Quadri.

Passeggiata d’autunno, è il titolo all’opera, ma anche l’esperienza reale che ha dato vita da un lato all’opera stessa e dall’altro al piatto che è diventato un vero e proprio must del Ristorante Marconi, ispirato a un particolare ricordo, un’emozione speciale che viene dal passato della chef.

Aurora Mazzucchelli, Ristorante Marconi (1 stella Michelin, chef dell’anno a Identità Golose 2012)

Nata a Bologna nel 1973, proviene da una famiglia da sempre vocata alla ristorazione, papĂ  cuoco e mamma sfoglina. Nonostante le sue innumerevoli esperienze nel mondo della cucina si definisce “autodidatta” per passione. Dopo aver frequentato l’istituto alberghiero, nel 1983 entra subito nello staff del ristorante dei genitori. Nel 2000 insieme al fratello Massimo prende le redini del ristorante Marconi, iniziando cosĂŹ il suo percorso in cucina, unendo creativitĂ , curiositĂ , grande personalitĂ , ad una costante attenzione ai prodotti del territorio e della tradizione.

Negli anni dal 2002 al 2006, approfitta del periodo delle vacanze estive per trascorrere qualche mese nelle cucine di alcuni importanti chef, come Herbert Hintner del ristorante Zur Rose di San Michele Appiano, Gaetano Trovato del ristorante Arnolfo di Colle Val D’Elsa, Paolo Lopriore del ristorante Il Canto della Certosa di Maggiano e lo chef basco Martin Berasategui. Sempre alla ricerca del sapere e del perfezionamento della tecnica si dedica anche all’approfondimento dell’arte pasticcera, presso la pasticceria La Caramella di un grande maestro bolognese, Gino Fabbri.

Nel 2008 arriva la prima stella dalla Guida Michelin, a cui seguiranno nel corso degli anni altri importanti riconoscimenti dalle principali guide gastronomiche italiane (L’Espresso, Gambero Rosso, Touring Club e Jeunes Restaurateurs d’Europe). La sua presenza è molto richiesta nelle piĂš importanti manifestazioni gastronomiche straniere per divulgare la sua cucina e le eccellenze italiane all’estero: viaggia tra Canada, PerĂš, Svizzera, Spagna e Polonia. Nel 2012 viene premiata dal giornalista Paolo Marchi come “Migliore Chef d’Italia” dalla guida IdentitĂ  Golose.

Ristorante Marconi, Via Porrettana 241, Sasso Marconi (Bologna), www.ristorantemarconi.it


Rosapetra Spa Resort (chef Alessandro Favrin)

Sospesa tra magia e innovazione, Rosapetra Spa Resort si distingue per l’alta qualità della sua offerta benessere, per il lusso e la calda accoglienza, proponendo ai propri ospiti un soggiorno ad alto tasso di emozioni. Il legno di abete e gli arredi raffinati delle accoglienti camere sono solo l’inizio del viaggio sensoriale che avvolge chi entra all’interno del Resort, soprattutto grazie all’innovativa spa dove ideale per rifugiarsi, rigenerarsi e accudire la propria essenza concedendosi delle coccole esclusive.

Il viaggio riprende per deliziare il palato, attraverso le raffinate colazioni e i delicate pietanze preparate dallo chef Alessandro Favrin che con semplicitĂ  completa questo viaggio in un benessere a 360 gradi.

Rosapetra Spa Resort, Zuel di Sopra n.1, Cortina d’Ampezzo, www.rosapetracortina.it

 

Info e prenotazioni

Rosapetra Spa Resort: T. +39 0436 869062

Costo: euro 50

 

Colortaste. La cucina si fa arte è inserito all’interno di CORTINAèCULTURA, il grande cartellone di eventi – cultura, musica, arte, spettacolo – che fino a settembre vedrà succedersi a Cortina oltre 200 appuntamenti.

www.cortina.dolomiti.org

Il progetto Colortaste. La cucina si fa Arte.

Il percorso espositivo si compone di immagini di grande formato dedicate ai lavori “pittorici” realizzati dagli chef a cui si aggiungono gli scatti di backstage che raccontano il making of del lavoro, oltre ad alcuni ritratti dei celebri cuochi. Quello di Alfonso Catalano è stato un viaggio fotografico in Italia da Roma alla Costiera Amalfitana, da Pistoia a Bolzano, da Senigallia a Milano: il risultato è un catalogo della capacità pittorica dei cuochi quali artisti tout-court che trascendono la sfera gastronomica. La tecnica fotografica utilizzata è determinante per trasformare il piatto in un’installazione artistica, rendendo impercettibile la dimensione propriamente culinaria.

La “tela” è costituita da una lastra bianca traslucida retro-illuminata capace di creare suggestivi effetti di trasparenza, in contrasto con i colori accesi degli ingredienti e delle salse.

 

Il fotografo Alfonso Catalano

Nato in Svizzera a Brugg, nel 1991 muove i primi passi come fotografo nella redazione del quotidiano Il Giornale di Napoli occupandosi principalmente di cronaca sociale: realizza reportage fotografici legati alla complessa realtà urbana della Campania e del sud Italia. Il desiderio di approfondire le tecniche fotografiche lo porta a Milano, dove completa gli studi diplomandosi in fotografia presso l’istituto Riccardo Bauer. A Milano entra a fare parte dello staff dell’agenzia Farabolafoto – oggi archivio storico – diventandone uno dei fotografi di punta, inizia a collaborare con l’editoria periodica e si avvicina al mondo della moda. Nel 2004 vince il Venice Movie Stars Photography Award in occasione della 61esima Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2006, dopo un periodo di collaborazione con La Presse, entra nel team dell’agenzia SGP di Stefano Guindani di cui tutt’oggi fa parte. Qui mette a frutto le competenze eclettiche, sviluppando una forte inclinazione per il reportage, il ritratto e la fotografia di moda e realizzando servizi fotografici per i maggiori periodici italiani e internazionali e per i brand più prestigiosi del made in Italy.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×