A CORTINA I GIOVEDI’ SERA DELLO SPEAK, SPRACH, SPRITZ!

0 Flares 0 Flares ×

 

 

A CORTINA I GIOVEDI’ SERA  DELLO SPEAK, SPRACH, SPRITZ!

 

Si sa che le giornate di soggiorno a Cortina in questi mesi successivi alle festività natalizie sono vissute dalla maggior parte dei villeggianti  a stretto e prolungato contatto con la neve, il che significa che la mattina, dopo un breakfast ristoratore, la meta comune è sulle piste da sci sulle quali si rimane fino all’ora di chiusura degli impianti di risalita. Sulle piste l’impegno e il divertimento si prendono a braccetto, entrambi procurati dalle attività sulla neve che sono sempre più varie rispetto al classico sciare  che,  dagli anni del dopo guerra ad oggi, ha conquistato folle di sportivi  veri o in erba  e ha creato la fama delle località come Cortina, con le quali la natura è stata generosa dispensiera di bellezze e di opportunità.  Le  opportunità naturali sono una dote che gli abitanti del luogo,  appassionati custodi, hanno giustamente voluto  e saputo rendere proficue. Il profitto è , in questi casi, un double face: da una parte ci sono i  nativi del territorio che investono per creare per sé e per i propri figli attività produttive capaci anche di rendere attrattiva la località per tutti gli altri, dalla parte opposta ci siamo noi,cioè tutti quelli che desiderano essere ospitati dai nativi per poter trascorrere qualche tempo in questo luogo impareggiabile per bellezza.Anche il nostro è un profitto, di genere diverso, ma innegabilmente  lo è, in primis, il poter conoscere  le dolomiti ampezzane e dintorni,e in secondo luogo, approfondire questa conoscenza . I modi per approfondire la conoscenza e renderla proficua sono la scoperta di ogni giorno, sia in estate sia in inverno. Si tratta solo di cedere il posto, all’inizio  nella nostra mente, e subito dopo nelle nostre giornate,   a tutto ciò che evoca l’idea del riposo, del relax, del benessere, della serenità. Qui a Cortina,   ad esempio, si può trovare il tempo e provare il piacere di frequentare  i locali di ritrovo la sera, quando si torna dalle piste da sci, stanchi per l’attività muscolare  intensa  e per l’impatto del sole e del vento durante le discese e, anziché ritirarsi subito nelle propri stanze d’albergo o residence, si cerca ancora la compagnia. E non sarà solo la compagnia degli amici con i quali abbiamo organizzato il soggiorno, si è disponibili anche a conoscere persone nuove, con le quali magari si è condiviso lo spazio al rifugio in quota  o in funivia. E sono sempre più frequenti, bisogna ammetterlo, le opportunità di incontrare cittadini di altri paesi, che parlano altre lingue , non più solo l’inglese o il tedesco, ma anche quelle slave, il polacco,  il russo, il giapponese, anche se, questi ultimi sono molto spesso propensi a comunicare con uno speaking sicuro nella lingua inglese. I cortinesi, molto accorti, hanno  pensato di poter trasformare anche questo melting pot delle lingue in una occasione di relax e compagnia e hanno inventato “L’aperitivo delle lingue”, per tutti quelli che vogliono  conoscere nuova gente,  chiacchierare piacevolmente del più e del meno  e in una lingua diversa. Ci  si riunisce  tutti i giovedì, al bar LP 26, nella saletta enoteca – al piano interrato) dalle ore 20.30 alle 21.30.E cosa si fa? Ad ogni tavolo sarà collocata   una bandierina che indica la lingua parlata e almeno una persona madrelingua sarà  seduta  al tavolo. Si intavola una conversazione spontanea e ciascuno potrà inserirsi  e partecipare, dare il proprio contributo. Ci  sarà anche il tavolo della bandierina italiana per consentire ai turisti stranieri  di fare un po’di pratica con la nostra bella lingua. Si paga solo la propria consumazione. Sarà, quindi, un aperitivo poliglotta, l’occasione per rispolverare le nozioni scolastiche di lingua straniera se non si ha l’opportunità di parlarla nel quotidiano. Il tutto senza il timore di sbagliare la pronuncia o di usare un termine  non adeguato, perchè non si perdono affari e non si prendono brutti voti. Al massimo scoppierà una fragorosa risata collettiva.

di Laura Vestrucci

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×