A Cortina è di scena il K-track

0 Flares 0 Flares ×

La mountain bike è una passione ormai dilagante, che prende una fetta di pubblico variegato. Infatti in sella a questa bici così particolare, e adatta per i percorsi fuori strada, ci sono ormai diverse generazioni di persone, da quelli più piccoli a quelli adulti, passando anche per gente che presenta una certa età. Tutti amano questo sport estivo per eccellenza, e che consente di poter vivere all’aria aperta e in piena liberta; percorrendo tanti chilometri in sella alla propria bici, passando da percorsi sterrati a quelli tecnici con grandi difficoltà, senza nessun tipo di problema. La novità assoluta che si può trovare a Cortina d’Ampezzo è che è possibile andare in mountain bike anche d’inverno e sulla neve. Avete capito bene. Infatti pedalare sulla neve non è più un’utopia. E’ nato a Cortina il K-trak, un nuovo sport che prende il nome da un particolare kit che consente di trasformare la propria mountain bike; in un funzionale snow che consente di scendere e salire senza problemi qualsiasi tipo di pendio coperto dalla neve. Questo pacchetto, come detto trasforma ogni bici, anche le montain bike front o full suspended, in un vero e proprio gatto delle nevi. Vediamo ora come muta la nostra bike, dotandola di questo nuovo dispositivo. Partiamo dalla ruota posteriore che, grazie ad un cingolo, riesce ad artigliare la neve sottostante e quindi a creare la propulsione attraverso il movimento della bicicletta. Al tempo stesso, la ruota anteriore sarà dotata di un piccolo sci, che ha la funzione di far scivolare la bike sulla neve; mentre lo sterzo darà la direzione della discesa, come avviene normalmente per ogni bicicletta che si rispetti. Grazie a questo sistema, sia sulle piste battute, e quindi prepatata per poter essere percorse; e sia su quelle fuori pista con la neve fresca, sarà possibile scendere senza nessun tipo di problema. A Cortina d’Ampezzo è possibile poter praticare questa disciplina grazie a Kite4freedom, che mette a disposizione istruttori qualificati, capaci di insegnare le basi di questa nuova disciplina a tutti coloro che sono interessati e si avvicinano per la prima volta. Il Kite4freedom è presente al Passo Giau e, oltre a lezioni private, organizza anche delle vere e proprie escursioni con il K-track tra i luogi più belli e suggestivi della valle ampezzana. Tra questi segnaliamo sicuramente: le Tofane, teatro delle prove di Coppa del Mondo di sci, la zona del Lagazuoi-5 Torri, dove è possibile poter ammirare il museo a cielo aperto della Prima Guerra Mondiale, e il Monte Faloria dove dal 4 al 6 aprile 2013 si disputerà il Carrera Freeride che vede in campo i migliori sciatori fuoripista che ci sono in circolazione. Dunque il K-track si presenta come l’alternativa invernale per chi ama la mountain bike e non vuole rinunciare a sfrecciare; anche quando i percorsi che normalmente in primavera o in estate sono percorribili, sono coperti da una fitta coltre bianca. A questo, poi, va aggiunta l’adrenalina che può esserci a guidare una bicicletta sulla neve, trasformando il proprio mezzo in una sorta di gatto delle nevi, che può arrampicarsi su qualsiasi salita grazie alla ruota uncinata.

 

di Massimiliano Grimaldi

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Tags: Cortina D'Ampezzo, k-track, mountain bike

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×