A Cortina d’Ampezzo un inverno “ad arte”: le mostre in programma

0 Flares 0 Flares ×

A Cortina è possibile vivere la propria vacanza lontani dalle piste, immersi nell’arte e nella cultura: basta entrare nel museo fiore all’occhiello della località, che ospita una delle più affascinanti – e ancora tutta da scoprire – collezioni d’arte del XX secolo d’Europa, annoverando dipinti di De Chirico, Picasso, Depero, De Pisis e molti altri. Si tratta del Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, che in questa stagione invernale 2015-16 propone ai visitatori una ricca varietà di percorsi espositivi. A partire dalla mostra di Pinturicchio “Il Bambin Gesù delle Mani”, inaugurata a inizio dicembre con un grande successo di pubblico e aperta fino al 31 gennaio, per tutti coloro che vorranno ammirare un’opera che ha già stregato il pubblico dei più importanti musei del mondo come il Guggenheim di New York e il Musée Maillol di Parigi e scoprire il mistero che si cela nella sua genesi, legato al suo illustre committente, Papa Alessandro VI Borgia.

 

Sempre fino a marzo 2016, il museo ospita un’altra mostra di interesse internazionale: Imago Aphroditae. La bellezza muliebre dal XV al XX secolo. Un percorso espositivo che si propone di riflettere sul tema dell’iconografia femminile, e in particolare sull’ideale di bellezza che ne contraddistingue i tratti, propri della storia dell’estetica occidentale, in un percorso che va dal Quattrocento al Novecento. L’esposizione offre al visitatore l’eccezionale possibilità di vedere riunita una serie di opere celeberrime, attinenti ai principali canoni della bellezza femminile. Sono dipinti provenienti da importanti collezioni italiane, pubbliche e private, oltre che opere della stessa collezione Rimoldi. Relazionandosi al lacerto raffigurante il Bambin Gesù delle Mani di Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio, si offre uno sguardo ampio sulla rappresentazione della donna, dando una lettura caratterizzata dalla ricca varietà formale di oltre quaranta opere, capaci di affascinare e immergere lo spettatore in una realtà culturale di altissima qualità.

 

E di bellezza si “parlerà” ancora, con l’attesa mostra fotografica L’emozione della vertigine. Capri-Cortina. L’Isola Azzurra e la Regina delle Dolomiti, due mondi così lontani eppure così vicini, saranno raccontati dalle immagini dell’artista Massimo Siragusa al primo piano del Museo Rimoldi, da febbraio a marzo 2016, dopo l’esposizione a Capri nell’estate scorsa. Il percorso, a cura di Denis Curti, presenta due località di prestigio con identità paesaggistiche evidenti. Ed è proprio la “vertigine”, fisica ed emotiva, il fil rouge del percorso espositivo che mette in mostra le similitudini e le caratteristiche intrinseche di due località riconosciute come ambasciatrici dell’eccellenza italiana per ospitalità, bellezza e cultura.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×

Comments are closed.




0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- 0 Flares ×